Parto e nascita

“I suoi occhioni ti cercano, ti guardano, ti scrutano, vuole sapere se ci sei per lui, ti vuole tutta per sé, sei la sua terra, sei la sua guida… Senti toccare dentro di te qualcosa di antico, qualcosa di nuovo… Il tempo scorre mentre siete immersi l’una nell’altro”

V. Shmidt


La nascita è sempre un’esperienza intensa, con un contenuto emozionale inconscio che può accompagnare il nascituro per tutta la vita. Il neonato, dopo 9 mesi di vita uterina, durante il parto viene costretto ad un processo di intensa compressione, rotazione, torsione mentre vive il passaggio tra le ossa della pelvi nel suo viaggio verso il mondo esterno. Il neonato viene sottoposto ad enormi forze, quando l’utero lo spinge contro le pareti del canale vaginale e questo passaggio, che comprime gli organi e i vasi sanguigni, ha ripercussioni sul sistema nervoso. Naturalmente l’intensità delle tematiche personali che si possono sviluppare dipendono anche da come i traumi vengono accolti e quindi dal legame che si instaura con la madre (bonding). Il bilanciamento Cranio Sacrale può rivelarsi molto utile nel far ritrovare un nuovo assetto al corpo del neonato e trovare nuove risorse per arginare gli effetti negativi dei traumi da parto irrisolti.

“Ritmicamente tra lasciarlo andare e trattenerlo ancora un po’, ti arrenderai alle onde di forza attiva che ti attraversano, imparerai ad accompagnarle cavalcandole con il tuo respiro, con la voce, il movimento e infine scaricherai tutta la tensione accumulata nel travaglio nel processo più creativo e magico del mondo: darai il tuo bambino alla luce”

V. Shmidt